Cazzi brutti

– Oddio Alessandra sposta le gambe!
– Che succede?
– Succede che tra un po’ cado dal letto.
– Scusa, ti stavo schiacciando?
– No, hai i piedi gelati!
– Sì ho lasciato le scarpe nella camera e sono venuta scalza per non farmi sentire da quel pezzo di stronzo.
– Chi?
– Il direttore di sto cazzo di hotel, mi sta cercando perché vuole farmi pagare 200 euro per la bottiglia di champagne.
– Quale bottiglia di champagne?
– Quella volata dalla finestra ieri notte… e che è finita sul cofano della sua auto.
– Hai lanciato una bottiglia di champagne dalla finestra della tua stanza?
– Non è stata colpa mia, è stata Sara.
– Sara? Ma non era in camera con… Ehi ma che fai con quella mano?
– Cosa ti sembra che stia facendo? Ti sto facendo una sega.
– Intendevo con l’altra mano.
– Ah sì, ti sto mettendo il rossetto. Stai fermo.
– Il rossetto?! Ma sei impazz…
– Shhhh! Silenzio.
– Alessandra ascoltami, c’è un problema…
– Non muoverti che mi fai sbagliare.
– …abbiamo finito i preservativi.
– Ce li ho io.
– Veramente? Ma dove li hai trovati? Il distributore qui all’angolo è rotto.
– Li ho rubati a Pannella.
– A Pannella?
– È una storia lunga.
– Senti hai finito con quel rossetto?
– Non ancora, aspetta… voglio farti una bocca da vera puttana.
– Tu sei matta…
– E voglio che ti metti il mio reggiseno.
– No no no, il reggiseno no!
– Il reggiseno sì invece.
– Ma mi vergogno!
– Ascolta, ti prometto che se lo fai… poi mi puoi chiedere qualsiasi cosa.
– Parli sul serio?
– Mmmh no, qualsiasi cosa no. Diciamo che mi puoi chiedere quasi-qualsiasi cosa.
– E come si allaccia?
– Così, girati.
– Ma perché non possiamo scopare e basta?
– Perché no. Scopiamo dopo, se fai il bravo.
– Ma sono quasi le 5, tra meno di un’ora c’è la sveglia, domani c’è la conferenza e dobbiamo scrivere ancora quattro pagine di…
– Le scrivo io dopo mentre mi scopi. E adesso, troia succhiacazzi, infilati il mio dito medio in bocca e fammi vedere come hai imparato a spompinare.

Aprile 2009. È arrivata da poco la primavera, vivo a Trieste da quasi 10 anni, sono in quinta liceo e il motivo per cui sto usando questo povero ragazzo come cavia sessuale durante un ritiro dei giovani Radicali è da andare a ricercare qualche mese più addietro, quando Sara si era fissata che voleva a tutti costi coinvolgermi nel suo appena nato impegno politico. Non ricordo esattamente il motivo per cui, tra tanti partiti, partitini e movimenti avesse scelto proprio loro ma devo ammettere che ne ero rimasta subito favorevolmente colpita per via di tre fattori: un video del 95 in cui Pannella tira fuori un pacchetto di hashish in diretta tv facendo sbiancare la conduttrice, il personaggio di Emma Bonino e un pensiero politico all’insegna della libertà e dell’edonismo con un nome, “I Radicali”, che sembra quello di un gruppo punk anni 70.
E poi all’interno di un liceo dominato dal dualismo Piddini/Berlusconiani la scelta di distinguerci votando qualcosa che non votava nessuno era pressoché obbligata per due teste di cazzo iper egocentriche come noi.
A voler essere precisi, c’erano altre piccole realtà minori: alcuni ragazzi dei centri sociali fermi a slogan degli anni 70, qualche cattolico un po’ sfigato e i soliti ritardati che votano Lega. Tra questi, due talmente inscopabili che si narrava un sabato sera fossero stati mandati in bianco persino dalla 50enne nigeriana che batteva sulla statale. Il giorno dopo erano passati a Forza Nuova.
Ad ogni modo, La Contessa aveva provato a coinvolgere anche Giorgia ma era stato come cercare di convincere un gatto di marmo a saltare la corda e quindi, alla fine del primo trimestre, io e Sara eravamo ufficialmente le uniche due radicali in tutto l’istituto.
Quelli di sinistra ci davano delle ciniche opportuniste, quelli di destra ci davano delle cannaiole da centri sociali, quelli dei centri sociali ci salutavano tutte le mattine chiedendoci se avevamo erba da vendere e i due di Forza Nuova una volta, durante un’assemblea di istituto mentre Sara stava parlando di un problema riguardo la macchinetta delle merendine, erano intervenuti urlandoci “Sioniste di merda!” per motivi tutt’ora sconosciuti.

Insomma, ad aprile non sono trascorsi neanche due mesi dal mio ingresso in questo nuovo impegno civile e sono già sul pullman insieme a Sara in viaggio verso il mio primo raduno dei giovani radicali che si terrà in un Hotel termale piuttosto prestigioso dell’Emilia Romagna.
Verso le 11 il nostro bus sta attraversando la soleggiata campagna veneta, il caposezione ha distribuito il programma di queste tre giornate e il gruppo sta discutendo animatamente sul tema delle alleanze per le prossime elezioni, se sia meglio allearsi col PD, con Berlusconi o correre da soli. In tutto questo, sedute sui sedili in fondo come da tradizione, la Contessa ha iniziato a spiegarmi una sua proposta molto seria di sensibilizzazione al diritto all’eutanasia per poi finire su un argomento di altrettanta importanza: i cazzi brutti.
– Ti ricordi il ragazzo con cui sono uscita la scorsa estate? – mi chiede mentre fa finta di leggere il programma.
– Il tipo mezzo marocchino con le treccine?
– No, quello dopo. Quello che ti ho presentato al concerto degli Arctic.
– Ah sì – in realtà non me lo ricordo assolutamente.
– Alex… aveva un pisello assurdo.
– Grosso?
– No, strano!
– Cioè? – le chiedo avvicinandomi curiosa.
– Non so come spiegare… – posa il programma e inizia a descriverlo usando le mani – …in pratica partiva largo e poi… si stringeva.
– Come “si stringeva”?
– Si stringeva. Il diametro diventava più piccolo.
– Cosa vuoi dire, che finiva a punta?
– No no, qui arriva la cosa più strana. Si stringeva quasi fino alla fine e poi aveva… – abbassa la testa e sussurra – …la cappella gigantesca!
– Quindi come un fungo?
– Sì quasi, ma un po’ storto.
Cerco di figurarmi il bizzarro membro del suo ex boyfriend.
– Ti giuro Alex, a me lui piaceva anche, ma quel pisello…brr, non ce la facevo. La prima volta – abbassa di nuovo la voce – che mi ha chiesto un pompino ho fatto finta che mi era venuto il ciclo e sono scappata a casa.
– Hai fatto bene.
La Contessa appoggia la testa contro lo schienale e prende un lungo respiro di sollievo, come se si fosse trovata di nuovo al cospetto del suo ex e del suo terrificante uccello fungiforme. Poi si volta verso di me.
– A te è mai successo?
– Cosa, di trovarmi un cazzo bruttissimo? Sì, una volta.
– Chi?
– Edoardo, l’amico dell’ex di Giorgia.
– Me lo ricordo. E come ce l’aveva?
– Orribile.
– Orribile come? Piccolo? Storto?
La testa di un giovane stempiato con gli occhiali spunta dai sedili di fronte – Ragazze, voi cosa ne pensate di uno sbarramento al 5% per la camera? Aiuta la governabilità o pensate che sia una soglia troppo alta che limita il…
– Noi siamo per lo sbarramento al 3% – taglia corto Sara. Il tipo sparisce e io proseguo – No no, non ce l’aveva storto, però aveva delle macchie strane.
– Macchie?
– Sì, sembrava un pisello malato.
– Oddio… e che gli hai detto?
– Gli ho detto che io quel coso non l’avrei toccato neanche con i guanti.
– Ah ah ah. Ci è rimasto male?
– Decisamente. Ha smesso di salutare anche Giorgia per questo. E forse ce l’ha pure con te.

Alle 18 siamo arrivate all’hotel e ci stiamo preparando per il buffet che ci aspetta giù nella sala ristorante. La nostra stanza era la 25 ma la Contessa, non soddisfatta della vista, è stata costretta a sfoderare i suoi occhi dolci per convincere due ragazzi veneti a fare scambio con noi.
Seduta sul letto in accappatoio con la tv accesa su un reality dove si possono osservare delle ex celebrità fallite intente ad umiliarsi su un’isola tropicale mi sto asciugando i capelli mentre la mia amica finisce di farsi la doccia.
– Lo sai che siamo proprio di fianco alla camera di Emma? – la sento urlarmi dal bagno.
– Emma chi?
– Come “Emma chi?”. La Bonino, scema.
– Ma va?
– Sì, è arrivata da Roma qualche minuto fa, l’ho incrociata prima mentre entrava.
– Sei eccitata all’idea di parlarle?
– Da morire. Prima voglio farle i complimenti per il suo intervento di martedì e poi… – la porta si apre e Sara esce dal bagno in mutande con l’asciugamano in testa – …e poi voglio darle il mio progetto.
– Quale progetto?
– Quello che ti ho spiegato sul pullman meno di un’ora fa! Ma mi ascoltavi o dormivi?
– Sìsì, scusa… – cerco di tirare fuori qualcosa di coerente per farla contenta – …l’eutanasia per i malati terminali è uno di quei discorsi che generalmente entra solo nelle vite di chi ne è coinvolto. Trovo sia giusto sensibilizzare anche le masse.
– Non è un po’ da troia?
Alzo lo sguardo stupita – Cosa, sensibilizzare le masse?
– No, questo smalto – mi mostra le mani – non è un po’ troppo da troia?
– Non mi sembra.
– Non ti sembra perché adesso non ho niente in mano.
– E cosa dovresti avere in mano?
– Beh, immagina se fossi con un ragazzo e gli stessi facendo una… – mima un su-e-giù – …con questo smalto non sarebbe un po’ volgare?
– Scusa ma tu hai in programma di fare una sega a qualcuno nelle prossime ore durante il buffet?!
– Beh no… – prende il phon e torna in bagno – …ma non si può mai sapere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...