Mese: luglio 2017

Rehab

Alla fine è successo

A dir la verità erano un po’ di mesi che le mie amiche continuavano a ripetermi che stavo iniziando ad esagerare, che stavo perdendo il controllo

I dottori dicono che ieri notte mi hanno presa per un pelo, che l’overdose ha rotto dei capillari e se non fossero arrivati il sangue mi sarebbe finito in gola soffocandomi mentre ero priva di sensi sul divano di Sara. Io non ricordo, forse ho rischiato davvero di lasciarci la pelle… o forse ogni reparto di disintossicazione ha il suo inventario di storielle spaventose che utilizzano per farti smettere.

L’infermiera cicciona sta arrivando, non so quando tornerò a scrivere.

Alessandra

Scherza con i fanti ma lascia stare i… cani

Ricordo che scrissi il terzo capitolo del mio periodo canadese in piedi sul bus mentre andavo al lavoro. Non avevo foglietti quindi usai l’app degli appunti dell’iphone. E presa dalla foga di raccontare quello che era appena successo lo pubblicai subito, senza neanche rileggerlo. I risultati furono una tonnellata di refusi e l’ingresso nel libro nero di alcuni animalisti che mi inondarono la mail di insulti (“troia specista” il più frequente) per i successivi 3 mesi.

C’era una volta una Stronza in Canadà #3 – Tre orgasmi sottochiave

Buenos Dias #3

Tornata in Italia per qualche settimana, sabato sera sono stata immortalata a tradimento in tutto il mio entusiasmo da una disegnatrice amica di amici (ciao Gloria) durante una festa orrenda. Devo ammettere che, per come ero messa, alla fine ne sono uscita bene… sembro quasi sobria. Quasi.

AlexL