Alessandra tra le vipere -1-

– Un maxi frappé alla vaniglia, una cheesecake al mirtillo e un bicchiere d’acqua, grazie.
Entrata di corsa da Starbucks faccio segno alla ragazza al bancone e mi butto sul primo divanetto libero per riprendere fiato. L’orologio alla parete segna le 9:02, tiro fuori un fazzoletto e mi asciugo la fronte marcia di sudore. Fuori dalla vetrata il sole di L.A. illumina la variopinta folla che attraversa Sunset Boulevard: un’orgia allucinata di famiglie bianche di cattolici benpensanti, spacciatori sudamericani con lo shotgun nel bagagliaio, rispettati primari di colore che vivono in ville da gangster e attricette strafatte di coca che si confondono con puttane strafatte di coca.
Mi guardo intorno. Seduto al tavolo di fianco a me un giovane hipster sta facendo finta di lavorare a qualcosa di grafico sul suo macbook nuovo. Ha lo sguardo di chi non scopa da mesi e probabilmente sta cercando di fare colpo su qualche cagnetta artistoide un po’ idiota da portare a letto in giornata. Il classico sfigato graziato dalla moda della barba con cui può nascondere la sua faccia e sembrare meno cesso di quello che è. Un esemplare fantastico da prendere per il culo ma al momento la mia attenzione è impegnata su qualcos’altro: cercare di non perdere i sensi.
La pressione si sta facendo sempre più bassa, il cuore aumenta i battiti per l’ansia e il sudore mi cola dalla fronte.
Un calo di zuccheri? O forse è la roba che mi ha dato Jixa in camerino? Aveva detto che i “problemi” sarebbero arrivati più avanti, possibile che sia già in astinenza?
No, è probabilmente solo un calo di zuccheri. Cos’ho mangiato ieri? A pranzo quel mezzo panino avanzato e a cena? Ah sì, il sushi. Ho mangiato il sushi da Kaji… Oddio mi sento morire, muovetevi con sto cazzo di frappé…
Sento la vista che comincia ad abbandonarmi ed intorno a me tutto sta diventando sfocato.
Non devo svenire qui, non devo svenire qui…
Due minuti. Devo solo resistere due minuti, tempo che arrivi la mia roba da bere. Zuccheri…

Il Goldwick Building si innalza al cielo come un ciclopico e misterioso monolite dalle pareti di vetro scuro. Ad osservarlo dal basso non si può fare a meno provare un certo senso di disagio, un brivido, come di fronte ad un abisso dai mille segreti. La mia mente è tornata a questa notte, sono le 11:15 e sto bussando un po’ nervosa alla porta dell’interno numero 2 al 21esimo piano.
Mi guardo il vestito di Prada e i tacchi da 350 dollari a controllare di essere a posto ed è buffo se penso alla fine che faranno nei prossimi minuti. Che spreco. Ma in fin dei conti non li ho pagati io e non posso lamentarmi.
Una voce maschile mi chiede la parola d’ordine, rispondo “Rosabella” ed entro in un piccolo ingresso composto solamente da un guardaroba e una scrivania in ciliegio. Dietro la scrivania una ragazza mora dai modi silenziosi mi saluta con un sorriso discreto mentre un energumeno albino in giacca e cravatta sta di guarda alla porta sulla sinistra con lo sguardo assente. La ragazza mi consegna un modulo e una busta.
– Che cos’è?
– Un attestato di partecipazione all’Happy Ferret Day. Dovresti compilarlo adesso.
– Happy Ferret Day?
– Una festa per la giornata del furetto d’appartamento.
– Non sapevo che queste serate fossero collegate a iniziative animaliste. Gli organizzatori sono amanti dei furetti?
– I furetti possono essere creature molto interessanti… ma quello che ci interessa di questa festa è che sta avendo luogo proprio in questo momento, giù a Beverly Hills.
– Capisco, quindi firmando…
– Esatto, tu non sei mai stata qui e noi non ci siamo mai visti.
– E questa? – sollevando la busta
– Quella è la quota.
Ah già, “la quota”… Avevo quasi dimenticato che per questa cosa mi pagano settemila dollari.

Il gorilla albino apre la porta e si sposta di lato per farmi passare. All’interno di un piccolo camerino dalle pareti color porpora una ragazza in mutande sta trafficando con lo sguardo basso su qualcosa che tiene tra le mani. Sembra avere la mia età, ha i capelli rossi naturali, le treccine e ora che sono più vicina vedo che sta versando della polvere contenuta in una bustina su un piattino di metallo.
– Ciao… – la saluto per avvertirla della mia presenza. Lei senza distogliere l’attenzione dal suo lavoro allunga una mano
– Jixa, piacere.
Jixa? Cazzo, oltre alla quota avevo anche scordato che devo trovarmi un soprannome…
– E tu? – chiede mentre estrae dalla borsetta un kit di strumenti che sembra quello di un’infermiera – Come ti chiami?
Resto qualche secondo a pensare.
Già, come mi chiamo?
– Ehm… Dorothy.
Chissà come mai mi è venuto in mente il Mago di Oz proprio in questa situazione…
– Ciao Dorothy, ne vuoi un po’ anche tu?
– No, ti ringrazio… ho fatto due tiri poco fa, sono a posto.
Jixa sorride – Prima volta vero?
– Sì perché?
– Perché la coca non va bene.
– Che vuoi dire?
Alza la testa e finalmente riesco a guardarla negli occhi. Due grandi occhi verdi incorniciati dalle lentiggini.
– La coca ti rende lucida… – mi spiega – …E fidati, essere lucida è l’ultima cosa che vorrai nei prossimi 60 minuti.
Jixa si lega un laccio di gomma intorno al braccio, prende la siringa e inizia a far scivolare l’ago dentro di sé.
La osservo con sguardo sofferto – Non so se riuscirei mai a farlo… gli aghi mi fanno un po’ impressione.
Lei finisce di iniettarsi la dose, fa un lungo respiro, come dopo l’ingresso in una sauna e chiude gli occhi. Poi si volta verso di me.
– Puoi fumarla se vuoi.
– Come scusa?
– L’effetto è minore ma comunque sufficiente a tenerti la mente altrove durante le prossime ore.

La mente altrove

Le parole di Jixa mi risuonano intesta quando il suono improvviso di un frullatore mi riporta al presente. Sono di nuovo da Starbucks e sto letteralmente grondando di sudore freddo mentre il calo di zuccheri, o qualsiasi cosa sia, mi sta facendo salire la nausea e scendere le forze.
Con la coda dell’occhio vedo la cameriera che sta arrivando
Finalmente… Ora devo solo cercare di sembrare normale, di tirare fuori una voce normale…
– Signorina mi scusi… ma questo posto è occupato.
Ma che cazzo sta dicendo adesso sta stronza?
– Avevo… avevo chiesto un frappé… e una cheesecake e un…
– Sì ho sentito, ma questo posto è occupato… – mi indica una signora dall’aria stizzita seduta proprio a fianco a me – …vede?
Cazzo, non me ne ero neanche accorta…
– Beh, c’è… c’è spazio per tutte e due… – cerco di non biascicare mentre lotto contro la forza di gravità per tenere su la testa
– Mi spiace signorina, questi sono i posti privati. Quando un cliente ne occupa uno, occupa tutti i posti a sedere intorno, è una questione di privacy. Se vuole il frappé glielo posso dare al bancone.
No, non credo di poter resistere altri cinque minuti, e per di più in piedi…
Faccio appello al massimo delle mie forze, mi alzo e inizio a dirigermi verso l’uscita. La maggior parte degli occhi all’interno del locale sono puntati su di me, alcuni curiosi altri indignati. E ci credo. Devo essere bianca come un morto, ho i vestiti fradici di sudore, il trucco sbavato e i capelli che puzzano di piscio.
Mi faccio strada a testa bassa tra i clienti che stanno entrando, esco dal locale, faccio dieci metri e collasso su una panchina.
Il mio corpo giace privo di sensi ma la mia mente, anziché profondare in quel sonno senza sogni tipico dello stato di incoscienza, ritorna a di nuovo al Goldwick Building, al camerino dalle pareti color porpora…

– Dio santo…
Dopo aver sbirciato per qualche minuto da dietro una tenda Jixa fa un’espressione disgustata e torna a sedersi accanto a me sul divanetto.
– Credimi Dorothy, io sono una con le spalle larghe… ma certe cose proprio non riesco a guardarle.
Mancano venti minuti al nostro momento e per un attimo mi sembra quasi di essere una sorta di popstar che aspetta di andare in scena di fronte al suo pubblico in delirio. L’abbigliamento per questo evento ci è stato consegnato tramite corriere due giorni fa: un elegante vestito rosso per me e un’intimo nero di alta classe per la mia collega. A fine serata abbiamo il permesso di tenerci i vestiti. Quello che ne rimane s’intende…
Finisco di mettermi il rossetto e, incuriosita dalle parole di Jixa, mi alzo per andare a sbirciare dietro la tenda e vedere di che si tratta.
– Fossi in te non lo farei… – mi ammonisce – …non è un bello spettacolo.
Resto un attimo immobile, un po’ titubante, poi la curiosità prende di nuovo il sopravvento e scosto la tendina.
Un grande salone arredato con mobili firmati e raffinati oggetti di design sta ospitando una folta folla di spettatori ben vestiti disposta tutta intorno alla stanza. Uomini e donne di evidente prestigio sociale: dottori, avvocati, imprenditori… probabilmente anche qualche senatore. Alcuni in piedi coi drink in mano, altri seduti ai tavolini. Al centro della sala c’è una ragazza dalle gambe tozze intrappolata in una gogna col sedere di fuori. Una fila di uomini con l’uccello in mano attende il proprio turno mentre due tizi muscolosi le stanno scopando contemporaneamente la bocca e il culo. La ragazza guaisce di dolore al ritmo dei colpi emettendo di tanto in tanto i suoni gutturali di chi sta per sboccare da un momento all’altro.
La scena è estremamente forte, tanto da farmi chiudere lo stomaco per un momento.
Mi volto verso la mia collega dai capelli rossi – La gogna? È quello che ti dà fastidio?
Jixa fa segno di no con un sorriso, come a farmi capire di essere totalmente fuori strada.
– L’hai vista in faccia? – mi chiede accendendosi una sigaretta
– Chi, la ragazza?
Si alza e mi viene alle spalle.
– Guardala meglio…
Confusa, resto ad osservare fino al momento in cui la fanciulla si volta e riesco finalmente a vedere il suo viso.
– Oddio – mi porto una mano davanti alla bocca
– Ma… ma è… – cerco negli occhi di Jixa una conferma su quello che credo di aver capito
– Trisomia 21 – mi risponde soffiando via il fumo – O mongoloidismo, o sindrome di down… come preferisci chiamarla. L’ultimo feticcio di Hollywood: scoparsi gli handicappati.
– Ma… si può fare? Voglio dire, non ci sono delle leggi che…
Mi interrompo da sola.
Anche ci fossero non credo importerebbero molto in questo posto.
Che cazzo di domande faccio.

Il nostro show inizia puntuale alle 00:15. Miss Trisomia21 è stata portata via e ora c’è Jixa su un tavolo a quattro zampe con alcuni volontari che fanno la fila per prendere a schiaffi il suo visino da irlandese di montagna. Più precisamente gli uomini la prendono a schiaffi, le donne preferiscono sputarle in faccia. Ad ogni schiaffo o sputo che arriva, Jixa deve chinare il capo e dire “Thank you Sir” oppure “Thank you Ma’am”… O almeno questo è quello che mi pare di capire visto che sono immobilizzata dietro di lei con la faccia legata contro le sue chiappe e la lingua nel suo buco del culo.
Proprio quando mi sembra di essere sul punto di soffocare sento una mano che mi slega, mi afferra per il collo e mi alza la testa facendomi riprendere fiato, come dopo un’immersione.
L’uomo mi lega ad un guinzaglio e mi trascina a gattoni verso il pubblico
– Signori, chi vuole pisciare in faccia a una modella?
Non faccio neanche tempo a rendermi conto di quello che sta succedendo che due getti caldi iniziano a bagnarmi i capelli. Chiudo gli occhi per proteggermi e una mano da dietro mi afferra il viso facendomi aprire la bocca.
– In bocca signori, dovete fargliela in bocca.
Chiudo la gola per evitare di ingoiare producendo un suono da gargarismo strozzato ma ben presto capisco che se voglio respirare devo iniziare a mandare giù.
Una cicciona elegante con le labbra rifatte mi afferra i capelli e mi porta vicino all’uccello del marito – Dai Amore, nel naso. Fagliela nel naso.
Qualcuno di fianco a me batte le mani mentre altre signore ridacchiano divertite dai tavolini.
– Nelle orecchie! – urla qualcuno. La cicciona mi sposta la testa di lato e io vedo due uomini vestiti di nero accompagnare Jixa verso una porta rossa…

– Signorina mi sente? Signorina V.?
Un ragazzo di origini indiane con in mano i miei documenti sta cercando di farmi riprendere mentre altri due infermieri mi stanno sistemando su una barella. Sono di nuovo per strada, qualcuno deve avermi trovata priva di sensi sulla panchina e deve aver chiamato il 911. La barella viene fatta scivolare dentro l’ambulanza davanti agli sguardi di alcuni passanti che si sono fermati a curiosare. Un gruppetto di vecchietti preoccupati, una mamma che ammonisce il figlioletto sugli “effetti della droga” e un paio di ragazzini con le magliette dei Metallica e le facce deluse di chi si aspettava di vedere un po’ di sangue.

L’ambulanza parte bruscamente, uno degli infermieri dice all’altro di tenermi ferma per evitare che sbatta la testa e proprio in quel momento mi arriva un ultimo flash della serata.
Sul prezioso pavimento di marmo al 21esimo piano del Goldwick Building sono stesa con la faccia per terra e le braccia legate dietro la schiena. Sento qualcuno che mi sta scopando da dietro. Due uomini. No, forse no… non mi stanno scopando… stanno aiutando una signora, un’importante imprenditrice taiwanese, che vuole infilarmi il suo piede nel culo.
Di fianco a me, a pochi metri di distanza, c’è Jixa stesa per terra con gli occhi persi nel vuoto. Le hanno messo dei tiranti alle narici che le fanno il naso da scrofa e ci sono delle persone che fanno la fila per passare su una pozza di sbocco arancione, credo lasciata da Miss Trisomia21, e poi pulirsi le scarpe sul suo viso.
Chissà se è toccata la stessa sorte anche a me…
Sdraiata sul lettino mentre gli infermieri cercano di tenermi sveglia mi faccio questa domanda e non posso fare a meno di sentirmi così fottutamente bene a pensare che quella cosa non l’ho fatta per soldi. Sto per chiudere gli occhi e lasciarmi addormentare quando un infermiere mi porge qualcosa.
– Signorina V, le è caduto questo.
Un biglietto da visita di Jixa con il suo numero di telefono. Strano, quando me l’ha dato?
Lo giro e sul retro c’è un messaggio scritto a penna:
“Chiamami”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...