tokyo

i am naked on the internet

In un paese a cavallo tra bigottismo cattolico da Popolo della Famiglia e machismo fascista da tronisti ritardati, tra chi vorrebbe che i gay si baciassero soltanto chiusi in casa e chi li vorrebbe direttamente far curare, tra puttanieri che danno delle troie a ragazze violentate perché si erano messe la minigonna ed inquisitori benpensanti che di giorno vorrebbero dar fuoco ai transgender salvo poi alla sera fare la coda sui viali, insomma, in un paese che è costantemente a cavallo tra il male e il malissimo, una nuova community che parla di erotismo, di canoni di bellezza alternativi e di liberazione sessuale è da accogliere come manna da cielo.
Tanto più che all’interno, da oggi, ci potete trovare pure i miei lavori. Il primo è
Tokyo Mon Amour, per l’occasione presentato con una nuova copertina fighissima ad opera di Glogode.
Cosa volete di più?